Un delizioso racconto in musica “pucciniano”

foto 1

“ LA BOHÈME E I BOHÉMIENS”

Un delizioso racconto in musica “pucciniano”

 —————-

Ancor prima di dar titolo alla struggente storia di Mimì e dei quattro squattrinati amici della soffitta sui tetti di Parigi, La Bohème potè per qualche tempo identificarsi con una rustica capanna di legno con il tetto coperto di falasco, dalle parti di Torre del Lago. Era il rifugio eletto a luogo di ritrovo e taverna da un’allegra brigata di artisti, da una comitiva spensierata e godereccia di amici che in quella dimora avevano fondato il “Club della Bohème”, di cui loro erano i singolari bohémiens: per lì dedicarsi in santa pace a mangiare e a bere bene, a giocare a carte e a parlare di caccia e di pesca. Il loro “statuto” peraltro non ammetteva la saggezza e proibiva tutti i giochi leciti! Giacomo Puccini ovviamente ne era il promotore e l’esponente di spicco, con il ristretto cenacolo dei suoi amici artisti: pittori, scrittori, musicisti e quant’altro.

foto 3

La Bohème e i Bohémiens è il racconto agile, divertente e curioso di questa simpatica combriccola di buontemponi di talento, una storia che nasce dal romanzo “Giacomo Puccini intimo” di Guido Marotti, “socio” partecipante nonché amico e segretario personale di Giacomo. L’Associazione Amici della Lirica “Franco Corelli” di Ancona ha rielaborato la spigliata storia per presentarla nei giorni scorsi in una semplice ma molto accattivante messinscena negli spazi aperti della Galleria Dorica, al centro della città. Con l’adattamento dei testi ad opera di Rosetta Martellini e di Roberta Mori e con l’adattamento e arrangiamento musicale di Michele Scipioni, ne sono stati validissimi protagonisti la stessa Martellini (regista e voce narrante), le voci liriche di Susy Ham (Mimì) e di Margherita Hibel (Musetta) e il Sineforma Ensemble attraverso il violino di Simone Grizi, il clarinetto di Michele Scipioni e il pianoforte di Meri Piersanti. Uno spettacolino delizioso che l’Associazione intende riproporre in altri contesti artistici del territorio. Come nella chiusa del racconto, dopo l’ultimo canto di Mimì (“Sono andati…”) e i laceranti accordi finali della morte, si diffondeva tra il pubblico presente l’immancabile brivido di commozione, a cui è sempre difficile sottrarsi.

FABIO BRISIGHELLI

foto 1

Susy Ham – Mimì

foto 2

Margherita Hibel – Musetta

23 maggio 2015 – Galleria Dorica Ancona

Happening della Biennale Arteinsieme del Museo Tattile Statale Omero

gli Amici della Lirica “Franco Corelli” insieme all’Associazione Sineforma

hanno presentato:

“La Bohème e i Bohémiens”

racconto in musica

da Guido Marotti “Giacomo Puccini intimo”

(Ed. Vallecchia, 1943)

Rosetta Martellini     Regia e voce narrante

Susy Ham                           Mimì

Margherita Hibel                  Musetta

 

Sineforma Ensemble

 Simone Grizi                        Violino

Michele Scipioni              Clarinetto

Meri Piersanti                  Pianoforte

 

Adattamento testi         Rosetta Martellini, Roberta Mori

Adattamento e arrangiamento musicale Michele Scipioni

Galleria fotografica – 23 maggio 2015 Ancona

Si ringrazia per la collaborazione

Museo Tattile Statale Omero Ancona – Biennale Arteinsieme 2015

Grafica Louise Bull

Roberto Valli Pianoforti

Liceo Artistico “E. Mannucci” Ancona

Museo del Cappello Montappone

info: amici.lirica.ancona@gmail.com

Annunci
Un delizioso racconto in musica “pucciniano”