CARLO PERUCCI, l’impresario teatrale che ha “costruito” la lirica delle Marche

perucci

L’Associazione Amici della Lirica “Franco Corelli” consegna il Premio “CARLO PERUCCI” 2015 al basso Andrea Silvestrelli. Ma chi era Carlo Perucci? Cosa ha fatto di importante per la lirica?

Marchigiano di San Benedetto del Tronto, nato nel 1921, Carlo Perucci studia canto al Conservatorio di Pesaro, perfezionandosi con il celebre M° Arturo Melocchi (maestro anche di Franco Corelli e Mario Del Monaco).

Debutta in qualità di Baritono nel 1952 a Spoleto con l’ amico e compagno di studi Franco Corelli, quale vincitore dell’omonimo concorso, e da lì intraprende la carriera artistica che lo porta nei maggiori teatri italiani e stranieri, con un repertorio di 58 ruoli del melodramma italiano, tedesco, francese. Tra i suoi cavalli di battaglia La Traviata, Rigoletto, Carmen, Il Barbiere di Siviglia.

Ritiratosi dalle scene per i postumi di un grave incidente stradale, nei primi anni ’60, in veste di impresario, crea il circuito teatrale delle Marche: nel 1966 vengono proposti ben 34 spettacoli dislocati tra Ancona, Civitanova Marche, Ascoli Piceno, Ostra, Fano, Porto Recanati, Mondolfo, Cingoli, San Benedetto del Tronto, Sassoferrato, Tolentino, Matelica, Recanati, in piazze, arene, teatri. In programma opere di grande repertorio – La Traviata, Il Barbiere di Siviglia, Il Trovatore, La Bohème, Andrea Chenier, Tosca, ecc.– ma anche prime assolute di autori marchigiani contemporanei quali Piero Giorgi, Fernando Squadroni, Lino Liviabella. Un progetto innovativo che getta le basi dell’attuale assetto lirico marchigiano, e che pertanto, come tale, va oggi riconosciuto e considerato “storico”.

La trascorsa pratica del palcoscenico – che gli consente di conoscere non solo il mondo musicale, ma anche le esigenze ed i problemi concreti del teatro d’opera visto “da dentro”– si sposa all’entusiasmo di un’inesausta voglia di fare, potenziata da un forte senso della socialità della cultura, profondamente figlia di quegli anni. Nel 1965 assume la direzione artistica del Teatro Pergolesi di Jesi e, nel 1967, dalla sua grande intuizione rinasce la Stagione Lirica dello Sferisterio di Macerata, con uno storico Otello interpretato da Mario Del Monaco. Entrambi i teatri, grazie alla qualità delle loro produzioni, vengono presto riconosciuti dal Ministero per i Beni Culturali – direzione dello Spettacolo – “Teatri di Tradizione”, condizione che consente di ricevere una sovvenzione ministeriale che si affianca al contributo economico degli Enti Locali.

Carlo Perucci ricopre la carica di Direttore artistico dello Sferisterio (e del Pergolesi) per venti anni, nel corso dei quali porterà l’arena maceratese nell’empireo dei maggiori palcoscenici internazionali, grazie alla presenza di tutte le grandi stelle della lirica, tra cui Del Monaco, Corelli, Pavarotti, Carreras, Domingo, Kraus, Siepi, Gobbi, Raimondi, Merighi, Olivero, Scotto, Kabaiwanska, Caballè, Gencer, Anderson, Dimitrova, Cossotto…solo per citarne alcuni. E poi danzatori quali Nureyev, Fracci, direttori d’orchestra come Maag, Maazel, Oren, Patanè, registi come Bolognini, Russel. La sua impronta creativa emerge anche nei cartelloni in cui accanto a titoli del repertorio tradizionale figurano scelte inconsuete, grandi produzioni straniere, balletti e musical.

Nel 1970 viene insignito dell’onorificenza di Commendatore della Repubblica Italiana per meriti artistici, cui si sommano numerosi altri riconoscimenti e negli anni ’70 e ’80. Negli stessi anni diventa titolare della cattedra di canto ed arte scenica presso i Conservatori di Pescara e Pesaro.

Lascia le Marche nel 1986 per assumere l’incarico di Direttore Artistico dell’Arena di Verona. Nel quadriennio 1986 – 1990, insieme al sovrintendente Francesco Ernani, anconetano insignito negli scorsi anni del Premio Perucci, realizza grandi produzioni tra le quali il balletto “Zorba il Greco”, successo travolgente ed indimenticabile. Oppure la Messa da Requiem di Giuseppe Verdi con tremila coristi, Luciano Pavarotti, e la direzione di Zubin Metha. In quei quattro anni l’Arena di Verona raggiunge i record di presenze e di incassi mai più eguagliati: nel 1989 si superano i 600 mila spettatori paganti.

Il 29 luglio del 1990 il Maestro Perucci viene colpito da un grave ictus. La malattia lo costringe a rassegnare le dimissioni nel gennaio 1991, ed a ritirarsi a vita privata, fino alla sua scomparsa il 13 luglio 1998.

Il ricordo di Carlo Perucci resta legato, in coloro che lo hanno conosciuto, non solo alla sua competenza artistica ma soprattutto alla sua sensibilità e propensione ai rapporti umani, al suo senso del “lavoro di squadra”, grazie al quale ha sempre stabilito con artisti, operatori e maestranze un rapporto di rispetto reciproco e collaborazione, e non di rado di profonda amicizia.

Giovedì 9 Luglio 2015 ore 21.00

Ridotto del Teatro delle Muse, Ancona

“PREMIO CARLO PERUCCI”

Recital del basso

ANDREA SILVESTRELLI

Ingresso libero

Info: amici.lirica.ancona@gmail.com

[ph credit http://goo.gl/Pe3Tov%5D

CARLO PERUCCI, l’impresario teatrale che ha “costruito” la lirica delle Marche